1167639_228521627300445_852805308_o-2

Non aggiungiamo parole inutili, ridondanti, a quelle puntuali e personali della giuria di professionisti che ha assegnato premi e menzioni dopo un lunga, attenta e sensibile sessione di visioni.

Qualcuno ha vinto. Sulla carta, fuori dalla carta, indubbiamente sui monti.

Qualcun altro non torna a casa con un premio ufficiale. E un po’ se ne dispiace, e un po’ no.
Perché a sentire le interviste, quelle del giorno dopo, quelle della consegna dopo 96 ore di produzione, ciascuno dei partecipanti torna a casa con un oggetto di valore.

Perdonateci quel filo di retorica, dunque, che ci fa scrivere: abbiamo vinto tutti. Insieme.
Anche se non pensiamo davvero sia retorico riconoscere il lavoro fatto fin qui da noi e da loro.

Noi e loro. Ammettiamo che al quarto anno è davvero difficile distinguere chi siano loro, chi siamo noi.
Lo spirito che ci ha accompagnati, infatti, in particolare in questo ventitredici, è stato uno spirito di squadra.

Difficile crederlo quando ci si gioca un trofeo. Immaginiamo. E infatti un ‘tutti contro tutti’, nel concorso, nella gara, c’è ed è fortissimo e sano. Perché è questo lo spirito della competizione.

Così come c’è, altrettanto forte e dirompente, un ‘tutti con e per tutti’ nello scopo: vogliamo promuovere il territorio, vogliamo fare del cinema un mezzo di comunicazione del reale pur giocando con il falso e la menzogna, vogliamo crescere, insieme e diventare grandi insieme alle nostre montagne, le nostre persone, i nostri sogni.

#aqualcunopiacefalso, quando dice che un diverso modo di comunicare i luoghi non sia possibile. #aqualcunopiacefalso, quando pensa che per la montagna non vi sia futuro.
#aqualcunopiacefalso, quando dice che le giovani generazioni sono disinteressate, lontane, avulse dal contesto in cui vivono.
#aqualcunopiacefalso, quando afferma che il buon cinema si fa nei grandi centri di produzione, con i grandi nomi, con i vip del sistema, con i casati della produzione.

#aqualcunopiacefalso. A noi, per esempio, però per finta.

Il nostro ringraziamento più forte a tutti i compagni di viaggio di questa quarta edizione. A quelli davanti alla telecamera e a quelli dietro.
Ora pensiamo al 2014, insieme.

Sursum corda!

Tags: , ,
0